WELCOME_MESSAGE

Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Roma

Procura template

Chi Siamo

proc_min (1).jpg

La Procura per i Minorenni è un organo giudiziario specializzato, istituito presso ogni Tribunale per i Minorenni, caratterizzato dalla specificità delle funzioni ad esso attribuite in ragione del destinatario dei suoi interventi, il minore d'età, la cui tutela è imposta dalla normativa sovranazionale ed interna.
La Procura ha competenze nei seguenti tre ambiti:
1) penale: per tutti i reati commessi da soggetti di età compresa tra i quattordici e i diciotto anni. Per i minori di quattordici anni vige nel nostro ordinamento il principio secondo cui gli stessi non siano perseguibili penalmente, pur restando soggetti alla possibilità di applicazione di una misura di sicurezza o di avvio di una procedura "amministrativa";
2) civile: per l'attuazione di iniziative in presenza di un eventuale "stato di abbandono" dei minori e per l'esercizio del controllo della responsabilità genitoriale.
In tale ambito civile vengono svolte, inoltre, attività ispettive nei confronti degli istituti di assistenza pubblici e privati e delle comunità di tipo familiare. La funzione di vigilanza e di controllo su tali strutture è esercitata da un magistrato della Procura, che di solito si avvale della polizia giudiziaria o dei servizi territoriali (Servizi sociali del Comune e della ASL);
3) amministrativo: è previsto che "quando un minore degli anni 18 dà manifeste prove di irregolarità della condotta o del carattere, il Procuratore della Repubblica, l'ufficio di servizio sociale minorile, i genitori, il tutore, gli organismi di educazione, di protezione e di assistenza dell'infanzia e dell'adolescenza, possono riferire i fatti al Tribunale per i Minorenni, il quale, a mezzo di uno dei suoi componenti all'uopo designato dal Presidente, esplica approfondite indagini sulla personalità del minore e dispone con decreto motivato una delle seguenti misure:
- affidamento del minore al servizio sociale minorile;
- collocamento in una casa di rieducazione o in un istituto medico-psico-pedagogico".

Torna a inizio pagina Collapse